Investire nella carriera: il “dietro le quinte” della certificazione PMP®

16 Ottobre 2020

7.788 VS 1.000.000 (ed oltre): sono i numeri dei Project Manager certificati PMP®, in Italia e nel mondo.

Il loro stipendio è potenzialmente superiore del 25% rispetto a chi è sprovvisto di titoli riconosciuti, favoriscono il successo dei progetti aziendali per oltre il 56% del personale non qualificato e sul mercato rappresentano una categoria ambita.

Fatta questa panoramica statistica e quantitativa, sorge spontaneo chiedersi: è davvero tutto “rose e fiori”?

Per rispondere si esamini il “dietro le quinte” della certificazione PMP®.

Sono diversi i fattori che concorrono a determinare a il prestigio di questo titolo:

  • Conoscenza della disciplina;

  • Competenza della persona, essendoci requisiti stringenti in merito agli anni di lavoro già svolti all’interno di progetti;

  • Aggiornamento continuo del project management, senza il quale si perde la certificazione.

La certificazione PMP®, a differenza di altre, è riconosciuta a livello internazionale: chi ne è titolare vanta un ampio assortimento di conoscenze, sia in ambito predictive che agile, da applicare nei progetti che dirige. Ne consegue che il certificato PMP® ha un ventaglio di opportunità da cogliere, invece precluse a chi non possiede un ricco bagaglio culturale sulla materia del project management.

Un imminente cambiamento è previsto in merito all’esame, attualmente articolato in 5 performance domain (initiatingplanningexecutingmonitoring & controllingclosing): da gennaio 2021, si baserà sui soli peopleprocess e business environment, e verrà rimarcata la presenza di domande relative all’approccio agile e hybrid. Per la preparazione, si dovranno presumibilmente attendere simulatori appositi nell’anno a venire. 

Per superare l’esame e conseguire la certificazione PMP®, è fondamentale partecipare al corso: durante il suo svolgimento il docente – che ha maturato reali esperienze di consulenza all’interno di progetti – illustrerà scenari verosimili e fornirà chiavi di lettura per interpretarli, giustificando l’adozione di un approccio agile anziché hybrid.

In conclusione, la certificazione PMP® rappresenta una qualifica riconosciuta a livello globale, permette di considerare una vasta gamma di possibilità lavorative e richiede un costante aggiornamento.

Investite nella vostra carriera!

Template Design © VibeThemes. All rights reserved.
X